La notizia riportata dal quotidiano inglese Guardian ha presto fatto il giro del mondo: al famoso “Bestival” nel Regno Unito, nei cosiddetti “amnesty bins” (apposite vaschette all’ingresso), è stata raccolta droga illegale per un valore superiore ai 40’000 dollari! I possessori sono stati incoraggiati a depositarla all’ingresso dello show in modo anonimo per evitare il trattamento molto più severo che li avrebbe aspettati una volta dentro.
L’evento, che dura 4 giorni, ha collezionato un totale di 62 reati legati alla droga, grazie al lavoro di 116 poliziotti addetti esclusivamente a tale scopo, cosa che ha permesso una conseguente riduzione della criminalità del 12% rispetto alla scorsa edizione. C’è da precisare, infatti, che oltre ai 40’000 dollari di cui abbiamo parlato sopra, i poliziotti hanno sequestrato alte sostanze illecite per un valore totale di altri 30’000 dollari.
Una notizia che rimbalza dall’Inghilterra ma che, comunque, riguarda da vicino anche noi, dato che il consumo di droga ai concerti è, da sempre, molto alto: chissà se, prima o poi, anche all’ingresso degli eventi in Italia vedremo questi “amnesty bins“.