I Krewella negli ultimi anni hanno segnato la scena musicale mondiale: dal primo successo con “Killin It” su Monstercat hanno scalato le classifiche mondiali senza mai fermarsi, ottenendo successi su successi.
Tuttavia, per uno dei membri il “viaggio” è stato un po’ più accidentato: stiamo parlando di Kris Trindl. Quest’ultimo durante l’estate del 2013 era entrato in riabilitazione per alcolismo, tanto da finire nel gruppo degli Alcolisti Anonimi. Un periodo certamente buio per Rain Man (pseudonimo di Kris) dato che spesso l’alcolismo coincide con gravi crisi depressive, cosa che a quanto pare non è piaciuta molto alle sorelle Yousaf. Dunque Trindl ha deciso di passare a vie legali, come recita la causa:

“In questo momento, Udell (manager del gruppo), le sorelle Yousaf e altri hanno cospirato per rimuovere Kris dal gruppo definitivamente. Ora che la band ha avuto successo, hanno capito che potevano sempre assumere persone esterne a scrivere e produrre musica per molti meno soldi di quanto costerebbe continuare a dividere il loro reddito con Kris, come hanno fatto finora (un terzo per ciascun membro)”

La causa, pari a 5 milioni di dollari, è uno sguardo spaventoso nel “backstage” della vita di questo gruppo che, a questo punto, sembra tutt’altro che coeso. Secondo la denuncia, peraltro:

Gli altri non stavano pensando alla salute o alla sobrietà di Kris, quanto a tenerlo fuori del tutto così che Jahan e Yasmine avrebbero potuto presentarsi al pubblico come duo, senza Kris, in modo tale da cancellarlo completamente da Krewella e accentare in loro due tutti gli incassi finanziari“.

Staremo a vedere come andrà a finire, quindi, questa guerra interna in casa Krewella, nel frattempo ecco a voi il documento con cui Trindl ha fatto causa alle sue “compagne”:

Trindl v. Yousaf, Et Al

Post correlati