In occasione del 21esimo episodio di Flashbang Radio abbiamo avuto modo di intervistare Joel Fletcher.

10155519_781447938532718_1266519561_n

Vi trascriviamo qua l’intervista tradotta in italiano:

Allora ciao Joel Fletcher te sei uno nella top 10 dei dj australiani come Dirty South, New World Sound, Will Sparks e Hook & Sling. Sei da Melbourne, dove è nato un nuovo stile chiamato Melbourne Bounce. Potresti parlarcene un po’?

Sì. Praticamente tutto il movimento Melbourne Bounce nasce da suoni Minimal/Techno circa 5-6 anni fa, poi due anni fa è arrivato Will Sparks  che ci ha dato un tocco suo rendendolo popolare è un po’ tutta un’evoluzione rispetto a sei anni fa, la trovo abbastanza figa la cosa.

Anche tu produci questo genere, potresti dirci come hai cominciato e come sei entrato in contatto col mondo della musica elettronica.

Ho cominciato a fare il dj a 14 anni facendo festicciole e cose così poi a 16 anni ho avuto la mia prima residency e ho cominciato a produrre minimal e techno e praticamente è così che ho cominciato.

Hai avuto una release chiamata “Loco” sulla Hussle Recordings che è stata remixata dai nostri amici VINAI, potresti parlarcene meglio?

Allora praticamente ha un kick corto, un groove e un tema Melbourne, l’ho fatta con Seany B che avevo già remixato 7-8 mesi fa e che da allora voleva fare qualcosa con me. Abbiamo ottenuto un remix dai VINAI, il che è stato una cosa fantastica ed è stata rilasciata credo circa un mese fa, ma si sente abbastanza in radio in Australia e ciò mi rende felice! 

La suonerai nel tuo Guest Mix?

Sicuro!

Potresti dirci invece come sei diventato famoso? Come hai costruito il tuo network ed eccetera?

Probabilmente con la radio, che credo abbia aiutato molto, perché si hanno tanti ascolti e una grande fascia di persone che ascolta la musica, tipo gente dall’età di 5 anni fino ai 50, mentre se rilasci canzoni solo per club alla fine ha sempre lo stesso pubblico, dai 17 ai circa 25 anni. Le radio hanno la fatto la maggior parte del lavoro per me penso. 

Chi è che ti influenza più di tutti a livello musicale?

Direi Chuckie da sempre, Deorro che è anche un mio grande amico e in questo periodo mi piace un sacco quello che stanno facendo gli Showtek.

Raccontaci la tua giornata tipo

Ehm questa è difficile, mi sveglio, mangio apro lo studio, esco con amici e credo sia tutto. (risata) 

E la tua vita in tour?

Guarda sono in tour proprio adesso, è il mio primo vero e proprio tour in America e sono stato qua per un mese ormai e mi aspettano ancora due settimane! Poi parto per altri due mesi in Europa. Per ora mi devo ancora abituare!

Che consigli daresti a degli emergenti?

Seguite i vostri sogni! E per fare un passo avanti nella vostra carriera dovete studiare musica. 

 

Post correlati