Eccoci qui, ormai giunti alla terza edizione della nostra rubrica dedicata agli artisti italiani emergenti, per questa edizione abbiamo incontrato due ragazzi di Varese pieni di talento, ecco a voi i Warkids!

Quanti anni avete e da dove venite?

“Ne abbiamo rispettivamente 18 e 22 e veniamo da Varese.

Cosa vi ha fatti avvicinare al mondo della musica e come vi siete conosciuti?

“Diciamo che ci siamo conosciuti quando eravamo bambini per via di alcune amicizie in comune. Ci siamo persi di vista per molti anni fino a quando non ci siamo reincontrati alle scuole superiori. Da lì, ci siamo sempre sentiti e intorno a luglio del 2012, decidemmo di iniziare questo nuovo progetto. Inizialmente eravamo in 3, ma poi siamo rimasti in due. Con l’ex membro siamo rimasti comunque in ottimi rapporti!” 

Avete collaborato con Oliver Heldens l’anno scorso, com’è stato lavorare con lui?

“Sicuramente è stata un esperienza che ci ha giovato moltissimo, sia dal punto di vista della popolarità che abbiamo acquisito, sia da alcune tecniche di produzione che Oliver ci ha insegnato: siamo molto contenti del seguito che ha avuto, ci sentiamo spesso tuttora e secondo noi sarà uno degli artisti principali del 2015!”

A chi vi ispirate principalmente?

“Non abbiamo un ispirazione fissa, anche se il nostro stile si rifà a quello di Alesso. Altri artisti a cui ci ispiriamo sono Axwell /\ Ingrosso, Zedd e Calvin Harris”

Cosa avete di bello in cantiere, cosa dobbiamo aspettarci?

“Abbiamo in cantiere un bel po di cose per il 2015, sicuramente qualche original e dei remix, uno esce tra pochissimo ed è un remix all’ultimo brano di John Legend, intitolato “All Of Me”. Uno di questi remix sarà in collaborazione con un duo emergente che ci piace tantissimo!

Chi sono produttori emergenti italiani che a vostro parere meriterebbero più attenzioni?

“Sicuramente gli OOVEE, oltre che essere nostri amici hanno sviluppato uno stile che a noi fa impazzire! Senza dubbio il sound del momento. 

Qual è stata la più grande soddisfazione che la musica vi ha dato finora?

“Diciamo che di soddisfazioni dalla musica ne abbiamo avute tante. Senza dubbio le più grandi rimangono il supporto (l’ha suonata 6 volte ahah) di Borgore e Diplo sul nostro remake di “We Are Legend”, ma anche il support di “Earth” dai W&W. Speriamo che arrivino tante altre di queste soddisfazioni!”

Il vostro più grande sogno?

“Suonare sul palco dei grandi festival come Ultra o Tomorrowland, ma anche quello di entrare nella top 100 djs, anche se comunque riteniamo che quella classifica si basi soprattutto sul marketing e non sulla bravura effettiva di ogni dj che viene classificato. Aldilà di questo, speriamo comunque di potere arrivare a quei livelli di fama tale da poterci esibire davanti a tantissima gente.”

Pensate che l’era dei bootleg e mashup stia per finire?

“Noi pensiamo di no. Semplicemente perché i producer o i djs che intenderanno rilasciare bootleg o mashups troveranno metodi alternativi. Anche se comunque Soundcloud sta diventando parecchio restrittivo, crediamo che comunque sia giusto che ognuno possa re-interpretare un disco a suo piacimento oppure mescolare due canzoni, perché è il ruolo del producer essere creativo e non vediamo perché debbano esserci questo tipo di limitazioni. Di conseguenza, siamo in disaccordo con queste nuove politiche introdotte da soundcloud e da altre piattaforme come ad esempio YouTube.”

Quale è l’elemento insostituibile del vostro studio? (Oltre alla DAW)

“Sicuramente la nostra tastiera midi, una Alesis QX-49, con la quale praticamente abbiamo scritto tutte le melodie delle canzoni che abbiamo rilasciato! Anche i nostri monitor della Adam Audio sono sacri per noi, sono molto validi ed efficienti.

Per rimanere sempre aggiornati con la loro musica ed ascoltare i loro lavori già rilasciati vi consigliamo caldamente di fare un salto sul loro profilo Soundcloud che vi lasciamo qua sotto:

SPOILER: A breve uscirà un loro bootleg della hit “All Of Me” di John Legend

Post correlati